Fine ottobre 1961, la cosiddetta “Rivolta di Palazzo” che avviene alla Ferrari porta al licenziamento in tronco da parte del Commendatore di ben otto elementi che hanno composto lo zoccolo duro del team di Maranello, capaci di contribuire in maniera determinante all’appena conquistato titolo mondiale di Formula Uno in quella stessa stagione. Tra questi il progettista Carlo Chiti e il direttore sportivo Romolo Tavoni che, assieme a buona parte dei transfughi, decidono, grazie all’apporto di tre facoltosi imprenditori dell’epoca, Giorgio Billi, Giovanni Volpi di Misurata e Jaime Ortiz Patino, di creare una nuova scuderia tutta italiana, la Automobili Turismo e Sport (ATS): è il febbraio 1962, la sede viene fissata in via Altabella 17, nel centro di Bologna. Pochi mesi più tardi, alla presenza del pluricampione del mondo Juan Manuel Fangio, viene posta la prima pietra di un futuristico stabilimento a Pontecchio Marconi, dove sarà costruita non soltanto la monoposto di Formula Uno, ma pure una vettura stradale Gran Turismo. L’interesse che suscita all’epoca questa iniziativa è enorme, sia per la qualità e le doti di chi compone la scuderia, sia perché in molti vedono nell’ATS la vera antagonista delle Rosse del Cavallino Rampante. A dicembre la monoposto Tipo 100 viene presentata in pompa magna nel più lussuoso hotel del capoluogo emiliano, il Baglioni, mentre arriva l’ennesimo colpo ad effetto: la coppia di piloti ingaggiata è quella che ha corso per la Ferrari nel campionato appena concluso, l’ex campione del mondo Phil Hill e l’astro nascente italiano Giancarlo Baghetti. Questa è la storia, attraverso le parole dei reduci di allora e dei documenti dell’epoca, della scuderia bolognese, della sua breve avventura nella stagione 1963 nel campionato di Formula Uno e della ATS 2500 stradale, una vettura innovativa presentata al salone di Ginevra e capace di prendere parte alla Targa Florio del 1964.

Giuliano Musi è nato a Bologna l’11 giugno 1947. È cresciuto studiando e svolgendo un’intensa attività sportiva, anche a livello agonistico, che gli ha fornito le basi per la futura attività di giornalista. Si è laureato nel 1970 in giurisprudenza all’università di Bologna. Nel 1979 ha ottenuto una seconda laurea in scienze politiche, sempre presso l’università di Bologna.
Nella sua lunga carriera giornalistica ha ottenuto riconoscimenti tra cui il Premio Bardelli-USSI (Unione della Stampa Sportiva Italiana), il Premio “Terme Italiane” per un’inchiesta sul termalismo, più volte il premio annuale del ministero dei Trasporti per inchieste sulla sicurezza. Come saggista è entrato nella rosa dei finalisti del Premio Bancarella 2007 per il volume sul Cucciolo Ducati ed è giunto secondo al Premio Coni 2007 per il volume Il Giro del Mondo di Tartarini e Monetti.

ATS La scuderia bolognese che sfidò Ferrari

€ 15,00 Prezzo regolare
€ 14,25Prezzo in saldo

Autore: Michael John Lazzari, prefazione di Giuliano Musi
Editore: Maglio Editore
Collana: Voci dal Bazar
Edizione: 2012
ISBN: 9788897195160
Pagine: 120